Menu di navigazione

LETTURA SCENICA: "LE VALIGIE DI AUSCHWITZ"

Pubblicata il: 17.01.2013

Lunedì 28 gennaio, alle ore 10,00, nell'ambito delle celebrazioni per il "Giorno della Memoria 2013", presso il Teatro Baretti di Mondovì Breo verrà rappresentata una performance teatrale riservata agli alunni degli istituti scolastici dell'obbligo monreg

50f82f6d41590

Lunedì 28 gennaio, alle ore 10,00, nell'ambito delle celebrazioni per il "Giorno della Memoria 2013", presso il Teatro Baretti di Mondovì Breo verrà rappresentata una performance teatrale riservata agli alunni degli istituti scolastici dell'obbligo monregalesi, dal titolo: "LE VALIGIE DI AUSCHWITZ". Si tratta di una lettura scenica ispirata all'omonimo libro di Daniela Palumbo e a Il mestolo di Adele di Sebastiano R. Mignone a cura del RUFUS TEATRO – con sonorizzazioni dal vivo.

"Quando ti trovi ad Auschwitz davanti a quel vetro a guardare le valigie abbandonate, ti aspetti quasi di sentire le voci, le risate, di vedere i visi dei bambini. Certe volte non serve conoscere le persone per sentirne la mancanza, basta un nome scritto sopra la valigia di un estraneo, partito su un treno per essere cancellato.

Dietro quel vetro, a me è successo si sentire le voci di Carlo, Hannah, Dawid, Emeline..."

 Carlo, che adorava guardare i treni e decide di usarli come nascondiglio; Hannah, che da quando hanno portato via suo fratello passa le notti a contare le stelle; Émeline, che non vuole la stella gialla cucita sul cappotto; Dawid, in fuga dal ghetto di Varsavia con il suo violino. Le storie di quattro ragazzini che, in quattro città di un'Europa dilaniata dalle leggi razziali, vivono sulla loro pelle l'orrore della deportazione.

Le cose a volte ispirano storie. Questo è il caso de Le valigie di Auschwitz come pure de Il mestolo di Adele. "Noi cose abbiamo ricordi, siamo i ricordi", dice il mestolo con cui Adele ha versato la minestra per giorni e anni alla sua piccola famiglia unita e serena fino a quando scoppia la guerra e la famiglia di Adele, di origini ebraiche, viene portata via…

 1 1

LIDIA PORTELLA è nata a Bollate (MI) nel 1961. Ha studiato pianoforte e composizione a Milano, contrabbasso presso il conservatorio di Bergamo. Ha insegnato educazione musicale e contrabbasso presso scuole medie statali e civiche musicali dell' hinterland milanese. Ha lavorato come orchestrale in diverse formazioni sinfoniche e cameristiche.

Nel 1986 si è trasferita a Torino ed ha lavorato come compositore nel settore pubblicitario. Nel 1996 ha fondato l'associazione culturale "Rufus Tetaro" con produzioni destinate soprattutto ai ragazzi. Scrive i testi e le musiche dei suoi spettacoli. Collabora col La Nottola di Minerva dal primo anno di vita di Ludorì.

Altre news del dipartimento