Menu di navigazione

Nes Lerpa, il vichingo dei colori a Mondovì

Pubblicata il: 26.07.2013

Un doppio evento espositivo presso la ex chiesa di Santo Stefano ed il Museo della Ceramica

Nes LerpaSi inaugura sabato 27 luglio alle ore 17, presso il Centro Espositivo Ex Chiesa di Santo Stefano, in via Sant’Agostino 24 a Mondovì Breo, la mostra “Nes Lerpa. Vichingo dei colori” (orario di visita, con ingresso libero, dal martedì alla domenica dalle 16 alle 19); opere dell’artista saranno esposte anche presso il Museo della Ceramica, in piazza Maggiore, dove l’orario di visita (ingresso libero) è dal venerdì alla domenica dalle 16 alle 19.
L'evento è promosso dal Comune di Mondovì, dall'Associazione La Funicolare e dalla Fondazione Museo della Ceramica Vecchia Mondovì, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo.
Il progetto espositivo prevede infatti una doppia esposizione che consentirà di valorizzare le due tecniche artistiche privilegiate da Nes Lerpa.
Il suggestivo interno di Santo Stefano, che negli anni passati ha ospitato importanti artisti, è allestito con tele di grande formato. I colori intensi e la grande dimensione dialogano con l'ambiente storico della Chiesa, esaltando, nelle differenze, le rispettive peculiarità.
Negli spazi del Museo della Ceramica di Mondovì Piazza invece saranno esposte le materiche opere plasmate dal fuoco, ed in particolare sarà visibile un piatto eseguito presso le Ceramiche Besio nel 1975.

Giramondo, apolide, svincolato da ogni aggregazione artistica, Nes Lerpa partecipa a manifestazioni culturali o umanitarie in ogni parte del mondo, con performance di largo respiro, con opere di grande formato e con vivaci contrasti coloristici. Il lascito artistico di cui si avvale proviene dalla rivoluzione dell'arte pittorica che libera il colore da oggetti e figure, che affida al gesto ogni pulsione creativa condotta nel secolo scorso da grandi artisti come Pollock, Vedova e Masson.
L’arte di Nes Lerpa dialoga con gli spazi differenti in cui è esposta con disinvoltura e grande slancio: ambienti architettonici ricchi di storia, così come interni dotati di estrema semplicità, ricevono nuova vita dalle sue squillanti, astratte composizioni.
In altri casi la dislocazione dei teli dipinti scandisce in modo nuovo gli spazi stessi in un contrappunto di riflessioni tra il presente e il passato, tra i nuovi colori e la patina del tempo. E anche i supporti su cui espone o depone i suoi gesti creativi sono tra i più vari: facciate libere, centri storici, prati erbosi o panorami ventosi .
Le sue tele di un astrattismo disinibito hanno vitalizzato tipici luoghi sia in Italia che in Svezia, Germania, Olanda, Inghilterra, USA, Svizzera, Corea, Taiwan, Ungheria, Austria e negli Emirati Arabi.
Non manca di dare sostegno, all'occorrenza, ad iniziative umanitarie (ha donato i proventi d'asta di litografie e poster all'organizzazione di emergenza “Medici senza frontiere”).
Importante è anche l'interesse per la ceramica, ove l’informale delle pitture è esaltato dalla materia. Spesso lavora in Italia, nei leggendari laboratori di Cunardo (Ibis ceramica) e di Albisola (San Giorgio).
L'avventura artistica di Nes Lerpa è, per sua stessa definizione: “...viaggio senza fine, senza tempo, senza confini, senza limiti, senza condizioni”.

“Nes Lerpa – Vichingo dei colori”
Mondovì, 27 luglio – 8 Settembre 2013
Inaugurazione - Sabato 27 luglio ore 17,00
Orari di visita -  Chiesa di S.Stefano (via S.Agostino 24): martedì‐domenica ore 16.00‐19.00
                         Museo della Ceramica (piazza Maggiore): venerdì‐domenica ore 16.00‐19.00
Enti promotori - Comune di Mondovì - Associazione La Funicolare - Fondazione Museo della Ceramica Vecchia Mondovì, con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo

Altre news del dipartimento