Menu di navigazione

La Funicolare

Le origini

Le origini risalgono al 1886 quando si realizza il primo impianto a vapore per risolvere il collegamento tra il quartiere commerciale di Breo e il borgo antico di Piazza.
Il 27 ottobre 1886 si inaugura la funicolare di Mondovì. Lo studio, realizzazione e gestione vengono affidati all’Ing. Ferretti, bolognese. Le caratteristiche dell’impianto sono: portata giornaliera di 700 persone, 130 m di dislivello e 550 di percorso, funzionamento a vapore, con vetture realizzate dal fabbro Borghese con meccanica dell’azienda Manfredi.
Nel 1887 all’Ing. Ferretti subentra nella gestione la Società Monregalese Opere Pubbliche.
Si modifica il sistema di frenatura, rivelatosi, in una prova a vuoto, così pericoloso da far precipitare a piena velocità una vettura contro la propria gemella, distruggendo parte della stazione inferiore. La nuova società di gestione sostituisce anche il funzionamento a vapore con quello a contrappeso d’acqua: due vetture si alternano nella corsa, l’una sale, l’altra scende; alla stazione alta di Piazza i serbatoi della vettura sono riempiti d’acqua che poi è scaricata durante la discesa verso Breo: in questo modo la forza esercitata dal peso del mezzo che scende, accentuato dal carico d’acqua,
tira su l’altro. All’arrivo a valle, il serbatoio della vettura in discesa è vuoto, con conseguente rallentamento e fermata dell’impianto.
Nel 1923 si sostituiscono le vetture con modelli più nuovi. Nel 1926 la Funicolare viene elettrificata ed il sistema ad acqua abbandonato. Nel 1941 l’intero impianto viene aggiornato tecnicamente con l’installazione di un motore più potente. Nasce l’ultima generazione di vetture, quelle azzurre, che forse qualcuno ancora ricorda. Il 4 ottobre 1975 scade la concessione della Funicolare alla Società per le Opere Pubbliche, con il passaggio della competenza al Comune di Mondovì. Il collegamento tra Piazza e Breo si interrompe; l’ammodernamento e il rinnovo non vengono considerati convenienti.

Dal sogno al progetto...la nuova Funicolare

Dal 1976 si succedono a più riprese ampi dibattiti sull’opportunità di riattivare il servizio. Nel 1999 avviene il primo contatto dell’Amministrazione Comunale alla fiera SAM di Grenoble con le aziende del settore.
Mercoledì 22 maggio 2002, nella sala consiliare del municipio di Mondovì il presidente della Provincia, Giovanni Quaglia, l’assessore regionale ai Trasporti, William Casoni e il sindaco di Mondovì, Riccardo Vaschetti firmano l’accordo di programma che prelude all’avvio dei lavori per la riattivazione della Funicolare.
Il progetto, cofinanziato dalle amministrazioni regionale, provinciale e comunale e dalla Fondazione CRC, prevede la trasformazione della stazione di Breo, la realizzazione di un sistema di trasporto completamente rinnovato ed il recupero della stazione di Piazza.
La gara d’appalto di luglio 2003 viene vinta dall’ATI (Associazione Temporanea d’Imprese) composta da Doppelmayr Italia S.r.l. e Garboli/Conicos S.p.A. (che diventa in seguito Garboli S.p.A.) su progetto definitivo di Sintagma S.r.l. di Perugia.
A Gennaio 2005 iniziano i lavori con le rimozioni e le demolizioni del vecchio impianto. Contemporaneamente negli stabilimenti dell’azienda alto-atesina Doppelmayr Italia si iniziano i lavori per la costruzione del nuovo argano e delle apparecchiature elettromeccaniche. Particolarmente spettacolari i lavori di montaggio degli impianti situati nei sotterranei della stazione di Piazza: la puleggia, il motore e gli impianti per i quali si è dovuta praticare una entrata ‘ad hoc’ dalla Piazza Maggiore.
L’11 marzo 2006 arrivano a Mondovì dall’Austria i due TIR con le nuove vetture costruite dall’azienda Carvatech. Il progetto delle nuove vetture viene realizzato dal più famoso designer italiano Giorgetto Giugiaro, che ha firmato molti modelli di automobili sia italiane sia straniere. Il progettista, originario della Provincia Granda, crea cabine spaziose, con grandi vetrate e una linea moderna ispirandosi per le fiancate ad una semipuleggia.
Dopo il fissaggio alla fune traente, iniziano poi le prove per la messa in servizio e contemporaneamente continua la ristrutturazione delle stazioni di valle e di monte,  Nella stazione di Breo si è conservato e restaurato il portale ottocentesco con nicchia sovrastante, sede della statua della Madonna.
Il 16 dicembre 2006 si aprono per i Monregalesi e per i visitatori le porte della nuova funicolare. L’impianto è una funicolare terrestre con due vetture, con movimento a va e vieni. La via di corsa è a binario unico con scambio nella zona centrale per l’incrocio delle vetture. Il movimento delle vetture avviene grazie ad una fune traente disposta a semianello fra le due vetture e la stazione motrice a monte.
Stazioni e percorso originari, corse ogni 10’, salita veloce, panorama mozzafiato: la funicolare è oggi il collegamento più comodo, rapido, piacevole tra le due anime della Città.
Ed è di nuovo un simbolo di Mondovì.

Orari

Orario invernale

In vigore dall’8 settembre al 30 giugno

  • Primo Lunedì di ogni mese: 7.30-13.40
  • Lunedì: 7.30-19.50
  • Martedì: 7.30-19.50
  • Mercoledì: 7.30-19.50
  • Giovedì: 7.30-19.50
  • Venerdì: 7.30-24.00
  • Sabato: 7.30-01.00
  • Domenica e festivi: 10.20-19.00

Orario estivo

In vigore dal 1° luglio al 7 settembre

  • Primo Lunedì di ogni mese: 7.30-13.40
  • Lunedì: 7.30-19.50
  • Martedì: 7.30-24.00
  • Mercoledì: 7.30-24.00
  • Giovedì: 7.30-24.00
  • Venerdì: 7.30-01.00
  • Sabato: 7.30-01.00
  • Domenica e festivi: 10.20-24.00

Note

  • Il servizio non si effettua il 25 dicembre ed il 1° gennaio.
  • Le corse si effettuano ogni 10 minuti.
  • I biglietti hanno validità 1 ora.
  • Costo di un biglietto: € 1,30.
File Allegati
PDF Funicolare