Menu di navigazione

Hanno detto di Mondoví

“Le colline s’addolcivano lentamente, infine apparve Mondovì, chiusa, arroccata, con i binari della tranvia a dentiera, che univano nella roccia la città alta alla bassa come una lunga, diritta cintura”. - Giovanni Arpino ne “La suora giovane”, 1949

“Noi siamo qui, nel più bel paese del mondo” - Napoleone ammirando il panorama dalla cima della torre del Belvedere, 1796

“Cuneo possente e pazïente, e al vago declivio il dolce Mondoví ridente, e l'esultante di castella e vigne suol d'Aleramo” - Giosuè Carducci in “Piemonte”, 1890

“Su un colle tra Alpi e mare, la dolce Mondovì svela i suoi tanti volti: golosa tra i banchi del mercato e nelle pasticcerie storiche, colta con l’antica università e le prime stamperie, operosa tra ceramisti e mugnai, suggestiva grazie alle chiese barocche e alle rustiche cappelle affrescate, inaspettata dall’alto della sua mongolfiera”. - Emanuela Ferro in “Itinerari e Luoghi”, 2005