Menu di navigazione

Valle Ellero

Grotte dei Dossi

Villanova M.vì, loc. Dossi

Situata sul pendio del Monte Calvario di Villanova, “la grotta più colorata d’Italia” fu scoperta casualmente da un cacciatore nel 1797. È stata la prima grotta scoperta nella provincia di Cuneo, e la prima in Italia a essere illuminata da luce elettrica. Oltre 900 metri di corridoi e sale decorati da concrezioni policrome, stupefacenti per varietà e sfumature: ambienti ricchi d’atmosfera, colorati e suggestivi come i loro nomi - Galleria moresca, Salottino gotico, Grotta dei pipistrelli, Barca di Caronte, Anticamera dell’inferno...

  • Quota d’ingresso: 620 m
  • Percorso di visita: 910 m
  • Dislivello: 21 mi

Informazioni:

Terme di Lurisia

Lurisia, Via delle Terme

Il nome Lurisia deriva dalle “lose”, lastre sottili di ardesia utilizzate nelle costruzioni locali (i tipici tetti). Nel 1900 un minatore, estraendo lose nella grotta Nuvolari (oggi Terme), colpì una vena sorgiva: l’acqua formò un laghetto “miracoloso”, dove le ferite dei minatori cicatrizzavano in modo rapidissimo.

Le proprietà curative delle acque della zona erano già ben note agli abitanti, che avevano scoperto ad esempio che le piaghe degli zoccoli degli animali guarivano prima attraversando il torrente Lurisia. Con l’inizio del nuovo secolo, la scienza spiegò il mistero: l’acqua è radioattiva per la presenza di autunite nei giacimenti minerari; Marie Curie, premio nobel per gli studi sul radio, effettuò personalmente analisi e misurazioni.

L’Istituto Termale venne inaugurato nel 1940, Lurisia divenne luogo di villeggiatura di grandi nomi e stazione sciistica, e oltre all’acqua curativa Garbarino si scoprirono altre sorgenti per l’imbottigliamento (Santa Barbara).

  • Altitudine: 720 m
  • Attività: Cure termali convenzionate e centro benessere.

Informazioni: